RSS

Il prezzo della sopravvivenza | P2 – I cannibali delle Ande

30 Nov
Il prezzo della sopravvivenza | P2 – I cannibali delle Ande

Quando si dice che la paura sia il sentimento primordiale che qualunque animale abbia mai provato compreso l’uomo stesso è senz’altro un dato di fatto. Noi tutti siamo la testimonianza vivente di un processo iniziato 3.5 miliardi di anni fa, da quando le prime forme di vita comparvero sulla Terra. Ogni creatura vivente di questo mondo ha dovuto combattere per raggiungere la sua posizione attualmente occupata e niente come la paura di morire risveglia in tutti noi quell’istinto che ci ha permesso da millenni di regnare sulla Terra. La paura della morte è probabilmente tra le forze più potenti in grado di modificare radicalmente il comportamento di ognuno di noi… Quando ci troviamo in situazioni estreme spesso la ragione e l’umanità stessa scompaiono e fanno spazio all’istinto perché conta una sola cosa: sopravvivere.

Esistono centinaia di avvenimenti come questi, ma la storia che vi stiamo per raccontare è forse la più famosa e anche una delle più incredibili mai raccontate.

  • I CANNIBALI DELLE ANDE

Il 12 ottobre del 1972, un Fairchild Hiller FH-227 appartenente alla Fuerza Aérea Uruguaya, partì dall’Aeroporto Internazionale di Carrasco con destinazione Santiago de Chile. A bordo del mezzo c’erano 45 persone e la maggior parte di esse erano membri appartenenti ad una squadra di Rugby chiamata Old Christians i quali dovevano giocare una partita contro gli Old Boys di Santiago. Oltre ai giocatori c’erano anche molti dei loro familiari. Dopo qualche ora, mentre erano in volo, il tempo peggiorò in modo drastico e così il Fairchild si trovo in mezzo ad una tormenta. I piloti però riuscirono ad atterrare all’aeroporto El Plumerillo che si trova a Mendoza in Argentina, in attesa che il tempo migliorasse. Ripartirono il giorno seguente, venerdì 13 ottobre. Il viaggio anche in questo caso si era dimostrato più complicato del previsto perché il tempo non era dei migliori, il pilota decise di viaggiare ad un’altezza di 6.000 metri, sotto di loro si estendeva una folta cortina di nubi bianche che coprivano tutto. Dopo alcune difficoltà iniziali, il viaggio sembrava procedere nel verso giusto, purtroppo però nessuno si accorse che la velocità di crociera si era ridotta di circa il 20%. Infatti i forti venti causarono un rallentamento rilevante e soprattutto provocò anche una variazione di volo che li portò su una rotta più a nordest di quello che credevano. I piloti in base ai tempi abituali comunicavano alle torri di controllo tempi e soprattutto posizioni sbagliate. La torre di controllo di Santiago, fidandosi delle posizioni segnalate dal copilota Dante Lagurara, diede l’autorizzazione a scendere… Una discesa che sia per il Fairchild che per il suo equipaggio risulterà tragica perché l’aereo non si trovava nelle vicinanze di Santiago come pensavano i piloti, ma stava sorvolando la possente Cordigliera delle Ande le cui vette raggiungono mediamente i 4.000 metri.

Vi furono forti scosse e turbolenze a causa delle correnti di vento e in poco tempo l’aereo perse quota. Il pilota Julio Ferradas insieme al copilota lottò cercando di stabilizzare il velivolo e riuscirono a portare l’aereo in posizione orizzontale. Quando finalmente oltrepassarono il banco di nuvole si accorsero dell’errore… Ma era già troppo tardi perché volavano a pochi metri dalle spigolose vette rocciose e per pochissimo non si schiantarono frontalmente contro una di queste. Quando i passeggeri osservarono fuori dai finestrini ci fu il caos, molti iniziarono ad abbracciarsi mentre altri pregavano. A partire da questo punto esistono diverse ipotesi per cercare di spiegare quello è successo con esattezza. Una di queste afferma che probabilmente i piloti, ormai consapevoli di non poter più riprendere quota, cercarono un atterraggio miracoloso sulla neve. Durante la manovra però l’aereo colpì la cima di una montagna con l’ala destra che finì per staccarsi dal velivolo. Successivamente l’aereo perse anche l’ala sinistra dopo un violento impatto su una roccia e infine si staccò anche la coda. Ciò che rimase fu unicamente la fusoliera la quale come una pallottola scivolò sulla neve. L’impatto frontale infine causò il distacco dei sedili e i passeggeri vennero scaraventati e schiacciati in avanti. Il primo bilancio fu terribile, tredici persone morirono istantaneamente a causa del violento impatto, inoltre molti dei sopravvissuti erano in condizioni gravi: emorragie interne, ossa rotte, traumi cranici e altre disgrazie attanagliavano costoro mentre pochi fortunati erano rimasti quasi illesi. Ricordiamo che la Cordigliera delle Ande è fra i posti più inospitali del mondo, si tratta di una catena montuosa dove le temperature raggiungono anche 40 gradi sotto zero durante la notte con dei venti che superano i 100 km/h… Durante la prima notte morirono altre tre persone.

Nonostante il colpo e lo shock, la serenità prevalse nel gruppo di persone sopravvissute, consapevoli che la chiave per rimanere in vita era quella di non perdere la calma e di rimanere uniti.  Ricordiamo che i passeggeri erano prevalentemente giocatori di rugby e quindi, fiduciosi che con il lavoro di squadra si possano raggiungere tutti gli obiettivi, iniziano ad organizzarsi in questa partita per la vita. Dopo aver razionato il poco cibo rimasto si dividono in gruppi, uno era composto da coloro che avevano conoscenze mediche come lo studente di medicina Roberto Jorge Canessa e altre due persone incaricati dei feriti. Un altro gruppo si occupava di trovare acqua pulita e infine un terzo gruppo era incaricato di mantenere la fusoliera in ordine e più al sicuro possibile. Con un po’ di fortuna riuscirono anche a riparare una radio che si trovava dentro la fusoliera attraverso la quale potevano sentire le notizie riguardanti le ricerche. Successivamente Canessa costruì delle amache per i feriti e Adolfo Strach detto “Fito” trovò un modo abbastanza ingegnoso per trasformare la neve in acqua con le lamine dell’aereo. Costruì anche delle racchette da neve con dei mezzi di fortuna in modo tale da poter esplorare con relativa sicurezza il luogo del disastro. Ben presto si organizzarono le prime escursioni in cerca della coda dell’aereo e per osservare cosa c’era al di là della montagna. Nonostante l’entusiasmo iniziale la fortuna non era dalla loro parte, infatti le esplorazioni furono infruttuose e servirono solo a rafforzare la convinzione che lì fra quelle montagne non c’era niente da mangiare. La stanchezza, la disperazione e soprattutto la fame iniziarono a farsi largo nelle menti dei sopravvissuti mentre i morti aumentavano. La sera del 22 ottobre erano tutti riuniti all’interno della fusoliera quando ascoltarono inorriditi le notizie alla radio: “Le ricerche del Fairchild FH-227 sono state inutili e verranno sospese”. Quelle parole uscite da quella fredda scatolina lanciarono una bomba di silenzio che lasciò attoniti i sopravvissuti mentre fuori il vento e la neve sembravano avere l’ultima parola. A quel punto tutti presero insieme l’unica decisione e purtroppo anche la più drastica per poter sopravvivere, decisero di mangiare i corpi dei morti, i corpi dei loro coetanei, dei loro amici e in alcuni casi anche dei loro familiari. La disperazione e la voglia di vivere li aveva spinti lì e il metodo con cui abbiano scelto chi mangia chi è un segreto che si porteranno tutti nella loro tomba perché esiste un codice inviolabile fra di loro.  Una delle poche cose certe è che il primo a rompere il tabù fu proprio Roberto Canessa. Consapevoli che non sarebbero mai venuti a prenderli, iniziarono le nuove spedizioni sperando di trovare la coda dell’aereo e con essa qualche cosa utile per la loro sopravvivenza, ma furono tutti sforzi inutili e una settimana dopo, il 29 ottobre, accadde un’altra tragedia: una valanga si abbatté con tutta la sua furia sulla fusoliera… Ancora un volta la sorte non sembrava dalla loro parte. Otto persone furono sepolte dalla neve per sempre quella notte, solo 16 riuscirono ad uscirne vivi da quella valanga e uno di questi era Fernando Parrado il quale insieme a Canessa diventerà determinante nel resto di questa storia.

Venerdì 17 Novembre. Dopo una ricerca interminabile, un gruppo composto da Canessa , Parrado e Antonio Vizintín riuscì finalmente a trovare la coda dell’aereo. C’erano alcune valige contenti cibo, sigarette, fiammiferi e batterie per la radio ma quest’ultime purtroppo risulteranno inutili perché la radio nel frattempo era diventata inutilizzabile. Il resto perà fu di enorme importanza per dare una scossa psicologica e una speranza ai pochi rimasti in vita. Dopo le fruttuose ricerche condotte dai tre prescelti, il gruppo decise che dovevano andare verso ovest alla ricerca di civiltà e dare l’allarme. Il 12 dicembre Canessa, Parrado e Vizintin partirono nell’ultima e definitiva spedizione verso il Cile . Le condizioni erano terribili… Il freddo, la tempesta e la fame erano come un enorme mostro al quale erano esposti costantemente. Dopo essere saliti sulla montagna e aver visto ciò che li attendeva decisero che Vizintin doveva tornare nella fusoliera perché le razioni non sarebbero bastate per tutti e tre in quel viaggio. Tutte le speranze erano dunque riposte in Parrado e Canessa, in particolare Parrado disse: 

Quel giorno ci incamminammo verso Ovest senza una meta precisa… Eravamo certi solo di una cosa, non saremmo mai più tornati in quella fusoliera. Tra morire di fame dentro quell’aereo e morire là fuori preferivamo morire cercando di arrivare da qualche parte

I due camminarono per cinque giorni soffrendo e sperando di trovare la fine di quel labirinto di neve. Come un raggio di sole dopo una tempesta al sesto giorno i due scorgono qualcosa di incredibile. Dopo aver camminato per circa 60km arrivarono alla “Precordillera de San Fernando”, una valle verde dove non c’era più neve ed entusiasti dalla scoperta i due si mettono a correre. Trovano un fiume, dei fiori, erbe, muschi e animali selvaggi, tutte cose che non vedevano da mesi! Sembrava un paradiso rispetto a quell’inferno bianco in cui si erano trovati. Dopo aver riposato tutta la notte si mettono in marcia di prima mattina e mano a mano che proseguivano, trovavano altri segni di civiltà come lattine di sughi, mucche e alberi tagliati. Canessa ad un certo punto si sentì male, così Parrado portò tutti e due gli zaini come sforzo finale di quest’odissea. Ormai erano vicini alla salvezza e il 21 dicembre come un miraggio, scorgono un uomo a cavallo che si trovava dall’altra parte del fiume, così i due si misero a urlare, ma la forza delle lori voci venne sovrastata dal fragore del fiume. Il contadino però vedendoli in quello stato pietoso capì che li era capitato qualcosa di grave, quindi ingegnosamente lanciò dall’altra parte del fiume una sasso con un foglio e una matita legati ad esso. Questo è il foglio originale dove Parrado e Canessa emozionati scrissero quanto accaduto. Dopo aver ricevuto la risposta il brav’uomo lancio dall’altra parte del fiume pane e formaggio e insieme ad altri curiosi giunti a cavallo chiamò la polizia. Senz’altro in quel momento i due sventurati avrebbero voluto abbracciare quel contadino che rispondeva al nome di Sergio Catalan Marinez. Nessuno dei 16 sopravvissuti scorderà mai quel nome. Il giorno seguente, venerdì 22 Dicembre, iniziano i soccorsi in elicottero dei restanti 14 sventurati e dissero che il motivo per cui non riuscivano a trovarli era perché gli ultimi dati dei piloti riguardanti le posizioni erano del tutto errate. Due dei sopravvissuti tornarono immediatamente a Montevideo mentre gli altri 14 festeggiarono insieme il più bel Natale della loro vita, consapevoli che il miglior regalo che si può avere… È la vita.

Avete mai ripensato alla vostra scelta di mangiare i cadaveri?

Ho rivisto milioni di volte quei giorni, non faccio altro. Ma noi non avevamo scelta. Noi eravamo morti per tutti. Per tornare alla vita non avevamo altra scelta che resistere a qualsiasi costo. La nostra è una vicenda esemplare e unica, insegna agli altri esseri umani che pur di sopravvivere siamo capaci di superare qualsiasi ORRORE.

 – Carlos Paez, uno dei sopravvissuti.

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 30 novembre 2015 in Casi macabri e misteriosi

 

Tag: , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: