RSS

Mutilazioni del bestiame – Chi si nasconde dietro?

22 Giu
Mutilazioni del bestiame – Chi si nasconde dietro?

Un fenomeno terribile che coinvolge tutto il mondo, soprattutto gli Stati Uniti, e così vasto da aver coinvolto addirittura l’FBI. Dalla fine degli anni 60 sono stati riportati più di 8mila casi e ad oggi non esiste ancora una spiegazione. Stiamo parlando del fenomeno della mutilazione del bestiame, un misterioso fenomeno nel quale si riporta la morte del bestiame a seguito dell’esportazione di organi e sangue. Sebbene l’esatta meccanica di queste mutilazioni varierebbe da un caso all’altro, una caratteristica comune di questi incidenti è l’apparente precisione chirurgica delle esportazioni. Generalmente si può osservare l’animale completamente dissanguato con l’eliminazione precisa di occhi, mammelle, organi sessuali, labbra, lingua, orecchie e altri organi importanti come il cuore o il fegato. Spesso viene riportata anche la rimozione della pelle nella zona della mandibola e l’area sotto l’orecchio esponendo completamente l’osso, inoltre le ferite molto nitide di tipo chirurgiche sembrano essere state cauterizzate da un calore molto intenso e realizzate da strumenti di precisione, senza provocare alcun sanguinamento. A volte il bestiame mutilato viene lasciato nel fango o nella neve profonda e in quelle occasioni non sono mai state rilevate impronte o altri segni che potevano essere attribuiti al passaggio di qualcuno. Fin dai primi episodi di mutilazione la gente ha cominciato ad attribuire tali barbarie a diverse cause prendendo in considerazione le ipotesi più disparate: da predatori naturali al famoso animale leggendario chupacabra, dai vampiri agli alieni, da esperimenti di misteriose agenzie militari fino ai riti satanici. Fatto sta che in questi ultimi anni, soprattutto nella parte occidentale degli Stati Uniti, sono stati mutilati brutalmente numerosi bovini e nessuno è riuscito ancora a fornire una spiegazione razionale anche se tra gli anni 60 e 70 l’FBI, dopo aver indagato sulla vicenda con l’operazione “Animal Mutilation”, concluse che queste mutilazioni erano il risultato di predazione naturale. Molti scettici dunque hanno tentato di incolpare i predatori di questo fenomeno, ma se si chiede agli allevatori che sono stati vittime di questi fatti, essi diranno chiaramente che è impossibile che i predatori possano fare tutto questo senza lasciare la ben che minima traccia! Dunque chi o cosa causa queste terribili mutilazioni?

  • Un animale misterioso, il Chupacabra

Nel corso degli anni 90 si era fatta strada una leggenda di un misterioso essere che si nutriva di sangue: il chupacabra. Esso è stato associato con apparizioni di un presunto animale sconosciuto a Porto Rico, Messico e anche Stati Uniti. Il nome deriva dal fatto che sarebbe sua abitudine bere il sangue di capre e altri animali domestici e infliggere loro particolari mutilazioni. Le descrizioni del chupacabra da parte dei presunti testimoni sono varie e la più frequente è quella di un essere con un’altezza compresa tra i 60 e i 180 cm che si muove con postura eretta ma leggermente curvo, con arti allungati terminanti in tre dita artigliate, viso appuntito, occhi rossi e allungati, due fori al posto delle narici, piccole orecchie e presenza di squame appuntite sul dorso e sul capo. Quest’ultime sarebbero fatte vibrare dall’essere e produrrebbero un suono particolare, ascoltato dai testimoni in concomitanza con l’emissione di un odore sgradevole. Una caratteristica del chupacabra è il suo “camminare” sui tetti delle abitazioni provocando forti rumori sulle case. Il suo “verso” è descritto dai testimoni come un urlo disumano e acuto. Sono molte le spiegazioni che sono state avanzate nel corso degli anni. Le più bizzarre hanno preso in considerazione esseri provenienti da altri pianeti o dimensioni, mutazioni genetiche anomale oppure un animale ancora sconosciuto. Una delle spiegazioni più accreditate ci dice che il chupacabra potrebbe essere nient’altro che un coyote affetto da mange, una rara malattia della pelle che affligge i canidi. Dunque per il suo aspetto potrebbe essere stato scambiato per un animale misterioso e nel corso degli anni, storia dopo storia, è diventato il chupacabra. Leggenda o verità dunque? Se questo animale esistesse veramente potrebbe essere la causa delle mutilazioni del bestiame? Molti credono comunque di no per via della precisione chirurgica delle esportazioni. Qui entra in gioco un’altra spiegazione: operazioni militari segrete.

  • Il governo e il progetto Gasbuggy

Tutto inizia nel 1976 quando alcuni allevatori hanno trovato numerose mucche mutilate vicino al territorio dei Jicarilla Apache, una tribù che vive nel New Mexico. Proprio quel territorio venne usato dal Governo Federale per testare l’inquinamento ambientale causato da test nucleari alla fine degli anni 60. In particolare questa contaminazione venne causata da un esperimento noto come “Gasbuggy Project” che ha avuto luogo il 10 dicembre 1967, 21 miglia a sud ovest di Dulce, proprio dove molti teorici del complotto ritengono vi sia installata una base militare ancor più segreta dell’Area 51. L’obiettivo del progetto era quello di individuare degli usi pacifici per le esplosioni nucleari e ha coinvolto la detonazione di un dispositivo di 29 kilotoni situato 4.227 metri sotto terra. L’intento era di rilasciare sacche di gas naturale per usi commerciali, ma tale gas si dimostrò essere troppo radioattivo per un suo utilizzo, dunque il governo avrebbe condotto le mutilazioni del bestiame per determinare gli effetti delle radiazioni da Gasbuggy. Diverse agenzie governative ed enti militari, come la US Air Force, sono stati pesantemente coinvolte nel cover-up e per proteggere la segretezza delle loro operazioni, avrebbero intrapreso una campagna di disinformazione e incoraggiato voci su UFO e alieni. Un particolare molto inquietante è che le mutilazioni avverrebbero sull’animale ancora vivo. Esso verrebbe paralizzato, spesso in posizione eretta. Tutto ciò è avvalorato da molti indizi presenti sugli animali: per esempio, un toro fu trovato mutilato nel 1981 in Colorado, con tracce essiccate di essudazione che gocciolavano giù lungo il muso da entrambi gli occhi, rimossi in una maniera tale che sarebbe stata possibile solo se fosse stato in piedi. Ciò sta a significare che chiunque abbia tagliato i suoi occhi, rimosso la lingua, le parti sessuali e il retto, abbia fatto il tutto con l’animale ancora vivo, paralizzato e in piedi sulle proprie zampe. Con tutta probabilità, inoltre, l’animale viene mutilato non nel luogo in cui poi viene ritrovato, ricordiamo che non sono mai state trovate tracce di sangue o impronte sul terreno. Un importante indizio risiede nelle ossa dell’animale, infatti in molti casi sono state trovate fratturate, quasi come se fosse stato lasciato cadere da un’altezza considerevole. Una volta un toro mutilato è caduto di testa finendo con le corna conficcate nel terreno. Dunque le mutilazioni avvengono su dei mezzi in volo? Questa teoria potrebbe essere confermata da molti allevatori che avrebbero sentito rumori di elicotteri e avvistato luci strane nella notte.

  • Riti satanici o esperimenti alieni?

Un’altra spiegazione alle mutilazioni potrebbe arrivare dai culti satanici, ma se la analizziamo ci accorgiamo subito che regge veramente poco, infatti in genere il sacrificio nel culto diabolico coinvolge una donna o un bambino. Gli unici culti che prevedono il sacrificio di animali sono il vudù e la teurgia pagana ed entrambe non prevedono quelle terribili mutilazioni. L’assenza poi di tracce nel terreno e la precisione quasi chirurgica delle incisioni negli organi escludono categoricamente questa spiegazione. Non mancano ipotesi che riguardano gli extraterrestri, essi avrebbero bisogno dei tessuti del bestiame per sperimentazioni perché a livello genetico hanno le stesse cellule dell’essere umano. Tutto questo con l’accordo del governo forse.

Sono passati ormai 50 anni dalla nascita di questo terribile fenomeno e una vera e propria spiegazione non esiste. Esistono molte teorie, alcune poco credibili e altre con basi solide che se sviluppate potrebbero portare sulla strada giusta, ma ad oggi il mistero rimane.

Sono passati ormai 50 anni dalla nascita di questo terribile fenomeno e una vera e propria spiegazione non esiste. Esistono molte teorie, alcune poco credibili e altre con basi solide che se sviluppate potrebbero portare sulla strada giusta, ma ad oggi il mistero rimane.

Annunci
 
4 commenti

Pubblicato da su 22 giugno 2015 in Casi macabri e misteriosi

 

Tag: , , , , , , , ,

4 risposte a “Mutilazioni del bestiame – Chi si nasconde dietro?

  1. enrico1897

    23 giugno 2015 at 16:16

    Salve fuoco di prometeo(met),come sempre bellissimo video,complimenti per il successo del tuo canale.
    Avrei una domanda,una curiosità per essere precisi,per caso alcuni dei tui casi(scusa il gioco di parole) sono ispirati agli articoli trattati da mistero.me?
    Se non ti va di rispondere alla domanda per motivi di privacy o altro lo capirei,mi farebbe piacere comunque un saluto come risposta.
    Continua così 🙂 !

     
    • fuocodiprometeo

      24 giugno 2015 at 9:42

      Ciao Enrico, no non abbiamo mai preso un caso da quel sito! 😉 – M

       
  2. lex89

    26 giugno 2015 at 15:14

    Ciao! Ti seguo sia su FB, sia su YT e anche qui^^’ quindi mi sembrava il minimo nominarti su Fmtech

     

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: