RSS

Incredibili scoperte su Atlantide: le teorie di Charles Hapgood

27 Lug
Incredibili scoperte su Atlantide: le teorie di Charles Hapgood

Innanzi a quella foce stretta che si chiama colonne d’Ercole, c’era un’isola che era più grande della Libia e dell’Asia insieme, e da essa si poteva passare ad altre isole e da queste alla terraferma di fronte. In tempi posteriori, essendo succeduti terremoti e cataclismi straordinari, nel volgere di un giorno e di una brutta notte, tutto in massa sprofondò sotto terra, e l’isola similmente ingoiata dal mare scomparve

Questo è il mito di Atlantide descritto dal filosofo greco Platone oltre 2000 anni fa. Oggi, una serie di studi e di sconcertanti scoperte, hanno fatto rivivere questa civilità.

British Museum, Londra. Qui nelle sale di lettura di una biblioteca dove molte scoperte erano state già fatte, sono stati riesumati dei documenti che permettono di costruire un’ipotesi stupefacente. Correlando scoperte scientifiche moderne con vecchi manoscritti e carte dimenticate da tutti, alcuni studiosi sono arrivati ad una conclusione inattesa: le vestigia della civiltà perduta di Atlantide sarebbero nascoste sotto i ghiacci dell’Antartico da più di 12.000 anni. Dunque, Atlantide non è da ricercarsi sotto i mari e, come molti pensano, nell’Oceano Atlantico, nel Mediterraneo o addirittura sepolta sotto il deserto del Sahara.

Secondo Platone, Atlantide fu effettivamente distrutta da un cataclisma 9.600 anni prima di Cristo; cioè circa 1.000 anni prima dell’arrivo della civilizzazione moderna. Ma Platone non è il solo a riportare questo fatto. Le leggende degli indiani d’America, la mitologia orientale e anche la Bibbia parlano della scomparsa improvvisa di una terra favolosa e lontana a seguito di un’inondazione.

Nel 1953 il geologo Charles Hapgood espose una teoria tanto controversa quanto affascinante. Egli riteneva che il peso in aumento delle calotte polari durante le ere glaciali, esercita una pressione crescente sulla crosta terrestre, tanto’è che questa si muoverebbe scivolando sul mantello di lava sottostante come la buccia di un’arancia che si spreme. Secondo i calcoli di Hapgood, 12.000 anni fa l’Antartide si sarebbe trovato circa 3.200 km più a nord presentando per buona parte del continente un clima temperato e quindi adatto allo sviluppo di una civiltà.

Tutti noi conosciamo la teoria della “Deriva dei Continenti”. Ma, secondo i dati attualmente disponibili, la crosta terrestre non si muoverebbe di più di una decina di chilometri ogni un milione di anni. Hapgood, però, suggeriva movimenti di ben altra portata, ed in particolare una deriva improvvisa e uniforme della crosta terrestre avrebbe potuto generare un sisma tale che interi continenti verrebbero spazzati via.

Questa teoria colpì molto l’opinione pubblica dell’epoca, tant’è che addirittura Albert Einstein scrisse ad Hapgood dicendo che le sue argomentazioni avevano molto valore e che pensava che quest’ipotesi fosse corretta.

Se una civilizzazione avanzata come quella di Atlantide è esistita 10.000 anni prima di Cristo, è possibile che abbia previsto il cataclisma e che lo sgombro della popolazione sia stato anticipato? E se non fosse stato così, è possibile che alcuni superstiti abbiano cercato rifugio in terre salvate dal maremoto? Località come il lago Titicaca, nelle Ande, le alture della Tailandia e dell’Etiopia rispondono a questo criterio di sicurezza. Ed è, stranamente, in queste regioni che apparì l’agricoltura, verso il 9.600 a.C. Solo un caso? E’ possibile, invece, che i superstiti di Atlantide siano l’origine degli inizi dell’agricoltura mondiale?

È molto probabile, inoltre, che i superstiti abbiano, nella loro fuga, portato via alcuni oggetti. Nel 1956, Hapgood ebbe tra le mani una vecchia carta marittima, disegnata nel 1513 dall’ammiraglio turco Piri Reis. Hapgood fu sorpreso della precisione della disposizione della costa orientale del Sudamerica, completata in un’epoca in cui questa parte del mondo era ancora semi sconosciuta. Ma il vero shock arrivò quando si accorse che sulla carta erano disegnate le coste dell’Antartide, poiché questo continente fu scoperto soltanto nel 1820, tre secoli più tardi! Quando l’aviazione statunitense comparò la carta di Reis ai rilevamenti geologici dell’Antartico del 1949, constatarono incredibilmente che i confini erano quasi identici! La precisione dei dati che appaiono su questa carta resta tutt’oggi un mistero se teniamo conto delle conoscenze geografiche nel 1513. In un secondo momento, Hapgood scovò una seconda carta geografica sorprendente, quella di Oronzio Fineo datata 1531. Tutto l’Antartico vi appariva con numerosi dettagli, come la posizione delle montagne, pianure e fiumi. Queste mappe erano forse copie di un’eredità lasciata dal popolo di Atlantide?

L’esistenza di questa civiltà permetterebbe di spiegare l’origine di monumenti diffusi nel mondo intero e costruiti per mezzo di tecniche così avanzate per quei tempi che sfidano ogni spiegazione razionale.

  • I templi dell’America latina: Attribuiti alle civilizzazioni azteche, tolteche o maya.
  • Le piramidi d’Egitto: Secondo recenti studi archeologici, infatti  sembrerebbe che la Sfinge sia molto più antica di quanto si pensasse. Ne testimoniano le tracce di un’erosione legata necessariamente a diluvi che non si potevano verificare in quel luogo se non che oltre 10.000 anni fa, ma l’archeologia tradizionale attribuisce la costruzione delle piramidi e della Sfinge a circa il 4000 a.C. La disposizione delle piramidi, inoltre, traccia uno schema che corrisponde esattamente a quello della cintura Orione così come appariva nel 10.450 prima di Cristo.

Dobbiamo ancora una volta riscrivere i nostri libri di storia?

Annunci
 

Tag: , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: