RSS

SCOPERTA 15: La Sacra Sindone sarebbe autentica. Una radiazione ha impresso l’immagine di Gesù?

25 Giu
SCOPERTA 15: La Sacra Sindone sarebbe autentica. Una radiazione ha impresso l’immagine di Gesù?

Ormai è da molti anni che questa reliquia, la più sacra di tutta la cristianità, fa discutere esperti di tutto il mondo e ancora oggi l’opinione pubblica è spaccata in due: la Sacra Sindone è un falso medievale di pregevole fattura oppure è realmente l’immagine impressa di Gesù? Sappiamo che a supportare la prima ipotesi ci sono i risultati della radiazione al radiocarbonio eseguita nel 1988, secondo i quali la stoffa della Sindone aveva solo 728 anni di età. Una recente scoperta, però, da incredibilmente ragione al fatto che la reliquia risalga al 1° secolo d.C.

Un gruppo di ricercatori del Politecnico di Torino ha eseguito un nuovo studio il quale suggerisce che a provocare l’immagine impressa sul telo funerario possa essere stata un’emissione di neutroni causata dal terremoto avvenuto a Gerusalemme nel 33 d.C. La radiazione avrebbe compromesso anche la datazione eseguita nel 1988 restituendo un risultato errato poiché avrebbe potuto aumentare il livello degli isotopi di carbonio-14 presenti sulle fibre del lino. Attraverso la sperimentazione meccanica e chimica, è stato ipotizzato che le onde di pressione ad alta frequenza generate nella crosta terrestre durante i terremoti potrebbero essere la fonte di tali emissione di neutroni.

La ricerca si basa sulle reazioni di fissione piezonucleari che si attivano quando campioni di roccia molto fragili vengono schiacciati sotto una pressa. Nel processo, i neutroni vengono prodotti senza emissioni gamma. Analogamente, i ricercatori teorizzano che l’incremento del flusso dei neutroni in corrispondenza di attività sismica, potrebbe essere il risultato delle stesse reazioni. I ricercatori, quindi, ritengono che l’emissione di neutroni causata dal terremoto avvento nel 33 d.C. a Gerusalemme, pari a 8.2 gradi sulla scala Richter, possa essere stata abbastanza intensa da imprimere l’immagine neutronica attraverso la sua interazione con i nuclei di azoto.

Questa è una scoperta di certo affascinante che sembra confermare l’originalità della reliquia e chissà se un domani riusciremo a scoprire definitivamente la sua origine.

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 25 giugno 2014 in Scoperte & Teorie

 

Tag: , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: