RSS

SCOPERTA 12: Il famoso segnale “WOW” che ancora oggi rimane un mistero

13 Giu
SCOPERTA 12: Il famoso segnale “WOW” che ancora oggi rimane un mistero

Fin dall’alba dei tempi l’umanità scruta i cieli e si pone la domanda se in mezzo a quelle migliaia di stelle che vediamo ogni notte ci sia una qualche civiltà che magari, come noi, è alla ricerca di qualcun’altro. Per provare a rispondere a questa domanda è stato avviato il progetto SETI “Search for Extra-Terrestrial Intelligence”, ma è proprio vero che ancora oggi non si hanno prove evidenti di segnali extraterrestri? Il segnale “WOW” sembra smentire questa tesi.

Tutto ha inizio il 15 agosto del 1977 quando un astronomo del SETI, Jerrt Ehman, individuò una breve raffica di onde radio della durata di 72 secondi, trenta volte più forte del rumore di fondo. Il segnale fu ritenuto talmente notevole che Ehman cerchiò con la penna rossa la sequenza numerica del tabulato stampato dal computer, annotando a margine la parola “WOW”, affibbiando involontariamente il nome che poi avrebbe reso famoso il segnale. Ma cosa ha prodotto questo segnale?

Gli scienziati avanzarono immediatamente l’ipotesi che il segnale si adattasse molto bene ad alcuni criteri che permettevano di ipotizzarne un origine extraterrestre. Ma, nonostante le numerose ore di lavoro, non fu mai identificata la sorgente e la trasmissione non fu mai più intercettata. Ad oggi, il segnale “WOW” risulta essere ancora un completo mistero.

L’unica certezza degli astronomi è che il segnale ha avuto origine nello spazio profondo, quindi o si tratta di un fenomeno astrofisico ancora sconosciuto agli scienziati, oppure abbiamo a che fare con un segnale generato da un’intelligenza aliena e paradossalmente la seconda ipotesi sembra più probabile poiché sembra essere un segnale radio artificiale! Le emissioni radio naturali causano molto rumore elettrostatico, “WOW” invece fu ascoltato su un’unica frequenza, senza nessun altro rumore rilevato sugli altri canali.

C’è chi cercò di smontare subito l’entusiasmo affermando che tale segnale era semplicemente di origine terrestre che in qualche modo è stato rimbalzato nello spazio per tornare sulla Terra, ma le indagini al riguardo stabilirono che era impossibile che il segnale fosse originato dalla Terra, ed era altrettanto improbabile che fosse stato riflesso da un pezzo di spazzatura spaziale. Inoltre la frequenza di “WOW”, pari a 1420 Mhz, è uno ‘spettro protetto’ nel quale è proibito trasmettere da Terra, in quanto utilizzato in radioastronomia. Curioso anche il fatto che tale frequenza è emessa dagli atomi di idrogeno presenti nello spazio. L’idrogeno è l’elemento più semplice e abbondante dell’universo e ogni possibile civiltà intelligente sarebbe a conoscenza della sua frequenza. Di conseguenza, i ricercatori del SETI considerano logico che venga utilizzata per eventuali trasmissioni aliene destinate ad essere ascoltate. E’ altrettanto logico che astronomi di altre civiltà potrebbero pensare la stessa cosa.

Per concludere, il segnale “WOW” rimane ancora un mistero e probabilmente non verremo mai a conoscenza della sua vera origine, sicuramente c’è qualcuno che sa ma per ovvi motivi non vuole divulgare la verità e a noi non ci resta che immaginare.

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 13 giugno 2014 in Scoperte & Teorie

 

Tag: , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: