RSS

SCOPERTA 8: La misteriosa origine dei Dischi Bi

05 Giu
SCOPERTA 8: La misteriosa origine dei Dischi Bi

Nel 1938, nel corso di un’esplorazione di una serie di grotte nella catena dell’Himalaya, il professore di archeologia dell’Università di Pechino, Chi Pu Tei, insieme ai suoi studenti fece una scoperta che se fosse stata confermata sarebbe straordinaria.

Durante l’esplorazione di queste grotte scoprirono una cavità stupefacente fino ad allora rimasta inesplorata, quando entrarono si resero conto che non era una semplice grotta, bensì un sistema di gallerie artificiali e interconnesse le cui pareti erano state levigate, esse sembravano cristallizzate, come se fossero state tagliate da una fonte di calore estremo. Inoltre c’erano incise delle strane iscrizioni che rappresentavano tutti i pianeti del nostro Sistema Solare, compresi il Sole e la Luna.

Infine, dopo aver percorso gran parte della grotta, il gruppo rinvenne anche una serie di piccole tombe che contenevano gli scheletri di strane creature alte appena 1 metro e 30, con il cranio enorme. Accanto alle tombe furono trovati ammassati 716 dischi di granito con diametro dai 35 ai 50 cm e con un foro centrale, spessi un centimetro. Questi dischi su un lato erano coperti di strani geroglifici, mentre sull’altro mostravano un’incisione a spirale che partiva dal centro e terminava verso il bordo esterno.

I reperti furono trasferiti segretamente a Pechino per essere studiati da un team di scienziati, il quale conclusero che i dischi risalivano al 10 mila a.C. e raccontavano la storia di un gruppo di creature chiamate Drog-pa (pelle gialla), provenienti da un pianeta lontano 12 mila anni luce che un giorno giunsero in visita sul nostro pianeta. Ma la cosa ancora più incredibile che sembrerebbe dare credito a questa scoperta sono i racconti degli indigeni del posto, essi narrano che in tempi antichi due tribù abitavano in quella zona e che gli strani esseri alti solo 1 metro e 30 erano erano venuti dal cielo. Alla fine, i nativi impararono a convivere con queste creature.

Questa storia venne occultata e chi negli anni ha cercato di pubblicarla è stato deriso e insultato. Le ultime analisi dei Dischi Bi sono state eseguite negli anni 60 e rivelarono che contenevano alte concentrazioni di cobalto e altri minerali, il che li rendeva particolarmente difficili da lavorare per un popolo tanto primitivo.

Ad oggi, c’è chi crede che questa storia sia tutta una bufala, altri credono invece che sia tutto vero. Non conosceremo mai la verità, ma se fosse tutto vero saremmo ancora una volta davanti ad una scoperta che cambierebbe la storia.

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 5 giugno 2014 in Scoperte & Teorie

 

Tag: , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: